• Categoria: CONFAL
  • Visite: 30

NOTA MIUR A SEGUITO DEL DCPM NESSUNA RISOLUZIONE PER I CONTATTI COVID

MIUR

A seguito dell'entrata in vigore del nuovo DCPM il Miur ha pubblicato in data odierna la Nota n 1990 dove è favorita la Didattica a distanza da casa per docenti ed il lavoro agile per il Personale ATA che potrà essere svolto in Smart warking.

Il personale collaboratore scolastico e il personale addetto alle aziende agrarie, cuoco, infermiere o guardarobiere che non possa svolgere la propria attività a distanza, continuerà a prestare servizio in presenza, fermo restando l’applicazione nelle “zone rosse” dell’articolo 3, comma 4, lettera i) del DPCM, che dispone che “i datori di lavoro pubblici limitano la presenza del personale nei luoghi di lavoro per assicurare esclusivamente le attività che ritengono indifferibili e che richiedono necessariamente tale presenza, anche in ragione della gestione dell’emergenza”.

Obbligo dell’uso della mascherina per il personale scolastico e per gli studenti con almeno sei anni di età.

Nelle regioni Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Calabria è necessario disporre l’applicazione di ulteriori misure come l’estensione della didattica digitale in via esclusiva al il 100% anche alle seconde e terze classi delle scuole secondarie di I grado.

I contratti già sottoscritti ai sensi dell’articolo 231-bis del decreto-legge n. 34 del 2020 (si tratta dei cosiddetti “posti Covid-19”) non devono essere risolti, né nel caso dei docenti né in quello degli ATA

NOTA MIUR